Nuotare in piscina può essere meraviglioso (e se lo fai in silenzio è ancora meglio)

“La piscina” non è un libro nuovo; a differenza dei titoli di cui vi abbiamo raccontato finora, la sua pubblicazione risale a tre anni fa. A volte capita che per restare al passo con le novità che escono ogni settimana, ci si perda qualche pezzo, qualcosa che merita davvero di essere letto e ricordato.

È sicuramente il caso di questo magnifico albo illustrato, uscito per Orecchio Acerbo nel 2015, e che pochi giorni fa mi è capitato tra le mani. La copertina azzurro pastello che ritrae un bambino dal sorriso appena accennato dietro cui si nascondono molte storie, il titolo, l’acqua come elemento protagonista, tutte queste cose insieme mi hanno invitato a tuffarmi nella lettura. O forse sarebbe meglio dire nella contemplazione, visto che si tratta di un silent book e di parole scritte non ne troviamo.

Ma prima di iniziare la storia, ci vengono date delle informazioni sull’autrice coreana, Ji Hyeon Lee: “Ama le piccole stelle che brillano nel cielo notturno, i ciottoli che rotolano nei ruscelli, le foglie che danzano sulle punte dei rami. Lei spera che non solo i più piccoli, ma anche tanti adulti leggano libri per l’infanzia”.

Dopo queste poche righe, già la amiamo e riponiamo grande fiducia nello sguardo innocente e nello stile così delicato che si intuiscono anche se abbiamo sfogliato solo una pagina.

E allora continuiamo: vediamo un bambino, disegnato usando i toni del bianco e del grigio, poi una piscina, azzurra. Tutto è avvolto nel silenzio e nell’attesa di qualcosa che sta per accadere: ecco, arriva una folla schiamazzante di persone con strani salvagenti che si tuffa riempiendo tutta la piscina; li sentiamo parlare, gridare, e le loro voci rimbombano. Ma sotto quelle persone caotiche, dove l’acqua è alta, i rumori sono ovattati, c’è spazio solo per tanto tanto azzurro e per chi ha voglia di esplorarlo.

Ha fatto bene, quindi, il bambino a vincere la paura e a tuffarsi, immergendosi in profondità; è stata talmente una buona idea che non è il solo a nuotare in quelle acque tranquille e misteriose. Lo raggiunge presto una bambina e insieme iniziano un viaggio in cui incontreranno pesci bizzarri e colorati (e qui troviamo, dopo il grigio e l’azzurro, il rosso), con il naso a trombetta o i denti all’insù, per arrivare ad incontrare il più simbolico degli animali marini: una gigantesca balena bianca, una sorta di Moby Dick un po’ peloso e dallo sguardo dolcissimo.

Poi il viaggio finisce, come tutte le cose, e i bambini riemergono dall’acqua. Ma si portano dentro un mondo nuovo che non avevano mai immaginato e la consapevolezza che domani potranno tuffarsi ancora, e ancora..

La bellezza dei libri senza parole è che ognuno può leggerci quello di cui più ha bisogno e la potenza delle emozioni ci arriva senza nessuna mediazione, in modo puro e semplice. È proprio per questo che sono d’accordo con l’autrice: gli adulti dovrebbero leggere più illustrati, per recuperare quell’immediatezza di comunicare senza filtri. E per riempirsi gli occhi di meraviglia.

La piscina, Ji Hyeon Lee, Orecchio Acerbo, pp. 22, illustrato, euro 15,90.
ISBN 9788899064075

vuoi prenotare subito questo libro?

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

© 2015 - 2021 La Libreria Volante
Top
Seguici: